copertina del libro Il cervello felice

Il cervello felice. Scopri come potenziare la memoria, l’intelligenza e l’intuizione

Da ragazza volevo fare il direttore d’orchestra, la ricercatrice, l’artista e il neurochirurgo. Poi ho deciso che mi faceva troppa impressione anche solo l’idea di fare un’iniezione e, a differenza di alcune mie amiche che hanno affrontato il timore e sono diventate eccellenti medici, io ho seguito gli altri filoni e mi sono dedicata alla ricerca, alla musica e al disegno.

La curiosità per il funzionamento della mente e del cervello mi è rimasta e ho di recente ricominciato a leggere testi sull’argomento, anche spinta dal mio insaziabile desiderio di imparare cose nuove e dal desiderio di mantenere vitale la mia capacità di apprendere e di creare. Quando ho scoperto il libro Il cervello felice ho subito pensato che il titolo ben si allinea con le letture in corso e con i volumi che già riempiono parte della mia biblioteca personale.
L’autore del volume, John Arden, è medico e si occupa nello specifico di neuroscienze e psicologia. La prima parte del suo lavoro si concentra sulla ricerca e sulle buone notizie che le recenti scoperte hanno portato riguardo alla possibilità di mantenere in salute ed efficienza il cervello delle persone mature. Contrastare quello che fino a poco tempo fa poteva apparire un normale processo di deterioramento è possibile, a patto di integrare nel proprio comportamento alcune abitudini che permettono di mantenere il cervello sano e in forma e di sviluppare nuove connessioni neuronali. La seconda parte si concentra invece sulle buone pratiche che ruotano intorno a cinque punti cardine principali, che sono universalmente riconosciuti anche come fondamentali per una buona salute psicofisica: allenamento, alimentazione, attività fisica, attività sociale e di relazione e sonno. A ciascuno di questi punti è dedicata una trattazione specifica, per permetterci di comprenderne al meglio importanza ed effetti.
Nella terza parte – ‘tiriamo le somme’ – si parla infine di riduzione dello stress.
Se è importante restare il più possibile ancorati al tempo presente è altrettanto importante comprendere come integrare i comportamenti descritti nella seconda parte nella quotidianità, perché non restino un mero apprendimento cognitivo. Il dottor Arden conclude quindi questo suo libro proponendo alcuni spunti da distribuire nell’arco dei primi sette giorni, un’agenda della prima settimana di viaggio alla ricerca della propria ‘felicità cerebrale’.
Mantenersi in buona salute è un obiettivo che molti di noi dichiarano di voler perseguire e credo che sia realmente una nostra responsabilità. Grazie a questo testo del dottor Arden abbiamo la possibilità di comprendere come prendersi cura del nostro corpo sia anche prendersi cura del nostro cervello e garantirci maggiori possibilità di una vita ricca fino ad età avanzata. Credo che lo farò leggere a tutta la famiglia :-)
Anche se non fai parte della famiglia puoi naturalmente leggerlo anche tu. Il libro è disponibile qui:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>